“Sorry, not sorry” – perché le donne chiedono troppo spesso scusa

Pochi giorni fa vi avevamo postato un video di un marchio di assorbenti Usa. Questa volta a parlarci di autostima femminile è Pantene, che mette l’accento su come sia spesso radicata nelle donne l’abitudine a scusarsi anche quando non ce ne sarebbe bisogno.

Anche quando si reclama la propria parte di coperta a letto, o quando uno sconosciuto in sala d’attesa ci si siede accanto urtandoci il braccio. Scusarsi per il proprio spazio vitale, scusarsi nel fare una domanda sul lavoro. Un’abitudine che sembra semplicemente educazione, ma che in realtà dice moltissimo, con la scelta delle parole, sull’immagine introiettata che si ha del proprio posto nel mondo. Ed è un atteggiamento tipicamente femminile.( Qui una ricerca che lo conferma)

La realtà però è che si può essere gentili, educati e dei comunicatori efficace anche senza scusarsi per cose che si ha un assoluto diritto di fare. Come chiedere un aumento di stipendio. Una suddivisione delle incombenze domestiche. Attenzione. Rispetto.

Quindi no, “non ci dispiace di non essere dispiaciute”. Perché bisogna liberarsi degli stereotipi ormai diventati parte di noi, smettere di sentirsi sempre in debito di qualcosa e reclamare – a ragione – il posto che ci spetta.